Le Percussioni in Studio di Registrazione

Sfondo-2 Small

Ciao a tutti!

Spesso durante i miei workshops, o durante le lezioni e gli incontri, gli appassionati di percussioni mi fanno una domanda molto specifica: Come decidi quali percussioni registrare o suonare dal vivo su un brano?

Un anno fa, proprio per rispondere efficacemente a questa domanda ho organizzato 4 Masterclasses in studio di registrazione, dove, assieme a 4/5 iscritti per volta, abbiamo preso in esame “sul campo” come comportarsi quando siamo chiamati in prima persona ad arrangiare e registrare una parte di percussioni su un brano di musica Pop.

Riassumendo per punti lo schema che abbiamo identificato, adottato e messo in pratica registrando realmente un arrangiamento di percussioni, abbiamo ottenuto la “lista” riportata qui sotto:

  • Esistono due grandi modalità di registrazione: a] la band registra tutta contemporaneamente (si usa nel Jazz, in alcune situazioni di musica Folk ed in linea di massima in situazioni con disponibilità economiche ridotte) b] i musicisti registrano separatamente sovraincidendo la propria parte (metodo più diffuso).
  • Può capitare che l’arrangiamento sia già stato scritto (dal produttore, dall’arrangiatore ecc) o che venga richiesto a noi di deciderlo.
  • Prendendo in considerazione il caso più frequente, cioè quello in cui registriamo la nostra parte da soli (senza gli altri musicisti) e dobbiamo proporre noi un arrangiamento, abbiamo capito quali sono i criteri di base secondo i quali decidiamo un arrangiamento: 1] in base al genere e al tipo di brano, 2] in base al testo, 3] in base alle caratteristiche dell’artista (cantante), 4] in base a quello che succede su brani simili, 5] in base alla nostra cultura musicale.
  • Abbiamo capito che a questo punto dobbiamo decidere se registrare montando tutto il set e suonando tutto l’arrangiamento dall’inizio alla fine, oppure se utilizzare le sovraincisioni (consigliato) ed abbiamo individuato i pro e i contro di entrambe le situazioni
  • Abbiamo capito che è fondamentale l’analisi della struttura del brano, abbiamo capito come farla e come annotarci e trascrivere l’arrangiamento che abbiamo deciso.
  • Dopo aver scelto gli strumenti da registrare (e capito perché li abbiamo scelti) abbiamo iniziato a registrarli.

Il risultato è stato che gli allievi hanno potuto assistere ad una vera e propria sessione di registrazione in tutte le sue fasi, dall’entrata in studio al completamento di tutta la sessione, potendo così vedere realmente e praticamente come affrontare una situazione lavorativa concreta!!

Dato che le persone che hanno avuto la possibilità di assistere a questo corso sono rimaste molto soddisfatte ed hanno confessato in seguito di aver potuto mettere velocemente in pratica i concetti appresi durante la giornata, ho pensato di poter mettere a disposizione di chiunque fosse interessato, lo stesso materiale, ampliato ed integrato, in un videocorso all’interno di www.iplaypercussion.com, il mio portale di didattica per percussioni.

SE SEI INTERESSATO A QUESTO CORSO E VUOI CAPIRE ANCHE TU QUALI SONO I SEGRETI DELLA REGISTRAZIONE DELLE PERCUSSIONI IN STUDIO CLICCA QUI!

Spero che il materiale nel corso possa essere utile alla tua formazione musicale e ti possa fornire gli strumenti necessari per affrontare qualsiasi situazione! 😉

Buona Musica! 😉

Leo

 

___________________________________

Ps: mi farebbe piacere sapere la tua opinione! Se ti va scrivimi un commento qui sotto

Pps: se vuoi essere subito avvertito quando pubblico un nuovo articolo, compila il form qui sotto ed iscriviti!

Mi raccomando, ricordati di SALVARE TRA I PREFERITI QUESTO INDIRIZZO: info@leodiangilla.com in modo che le notifiche non finiscano nella posta indesiderata!

___________________________________________

Name
Email *

___________________________________________

1 commento

  1. Paolo   •  

    Io ero ad una di quelle masterclass e devo ammettere che l’esperienza é stata unica! Per me, personalmente, ma penso anche in maniera generale, é stata un’occasione unica per poter apprendere aspetti di questa disciplina che difficilmente, se non mai, avrei potuto imparare in altri corsi o workshop. Stare a diretto contatto con il lavoro di Leo, durante queste occasioni é sempre molto formativo. Consiglio il corso! Grazie Leo, continua così!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *